Gestire il cash flow aziendale è una delle attività strategiche in capo a CFO e responsabili amministrativi. Attività resa particolarmente complessa negli scenari attuali, dominati da volatilità dei prezzi e da circostanze come la crisi pandemica che conferiscono grande incertezza ai mercati. In tale contesto un ERP (Enterprise Resource Planning) come SAP Business One (SB1), il software gestionale sviluppato appositamente per le PMI, rappresenta un valido aiuto per ottenere informazioni dettagliate sui conti correnti bancari, la posizione di cassa, i saldi, il fabbisogno previsto, i trasferimenti di fondi, le operazioni e tanto altro ancora. Il fattore aggiunto di SAP Business One, infatti, è quello di offrire una visione completa del cash flow aziendale attraverso strumenti evoluti di analisi che permettono di:

  • controllare costantemente la liquidità,
  • mitigare i rischi finanziari,
  • prevenire gli scoperti del saldo,
  • gestire gli errori e le frodi bancarie,
  • analizzare i flussi di cassa in entrata e in uscita.

 

L’importanza dei report nel cash flow aziendale

Anzitutto, SAP Business One propone una reportistica del cash flow aziendale per facilitare la previsione della situazione monetaria dell’organizzazione. Per esempio, i report sulla svalutazione dei crediti dei clienti forniscono una rapida panoramica dei ritardi di pagamento, in maniera da identificare immediatamente gli ordini e le fatture in sospeso che in futuro potranno incidere sul cash flow aziendale. In tal modo è possibile proiettare facilmente la tendenza storica ai fini di un processo decisionale maggiormente informato e meno soggetto a risoluzioni che non siano fondate su dati oggettivi.

 

Gestire il risk management con SAP Business One

Per evitare potenziali scenari di illiquidità, SAP Business One mette a disposizione dell’impresa un set per il risk management con cui valutare tutte le variabili che possono incidere sul cash flow aziendale: stagionalità delle vendite, ritorno sugli investimenti fatti in precedenza, calcolo preventivo della percentuale di insoluti, contesti macroeconomici rilevanti per il business, ecc. Questo consente di aggiornare costantemente il cash flow forecast a breve termine e di mitigare così i rischi finanziari derivanti da un budget che risulti troppo difforme rispetto al consuntivo finale.

 

Conoscere il cash positioning per evitare lo scoperto

Avere una visione sempre in tempo reale del cosiddetto cash positioning, cioè delle varie posizioni aperte in banca e dei conti relativi, è fondamentale per evitare gli scoperti. A tal fine SAP Business One dà un quadro su base giornaliera, settimanale, mensile e annuale di tutte le transazioni e i saldi bancari attingendo a informazioni ricavate da diverse fonti, interne ed esterne all’organizzazione. In pratica, lo staff della tesoreria dell’impresa viene dotato di un sistema in cui la trasparenza e la visibilità a 360 gradi riducono la probabilità di un cash flow aziendale negativo.

 

Quando la riconciliazione bancaria non fa perdere tempo

Con SAP Business One il cash flow aziendale è messo al sicuro anche dal rischio di frodi o di errori umani. L’ERP, infatti, assolve alla funzione di riconciliazione bancaria tempestiva in caso di differenze riscontrate fra gli estratti conto dell’istituto di credito e l’importo corrispondente riportato sui registri contabili dell’impresa. Poiché si tratta di una funzionalità automatica, risolve l’insorgenza dei conflitti imputabili a dolo oppure a sbagli causati inavvertitamente dalle persone senza dover richiedere l’impegno di una risorsa dedicata che verifichi il motivo dell’incongruenza.

 

L’analisi di flussi con il cash flow aziendale di Business One

Nel cash flow aziendale è decisivo avere uno sguardo d’insieme fra il totale delle entrate (cash inflow) e delle uscite (cash outflow) monetarie per conoscere in ogni momento l’ammontare esatto di denaro liquido posseduto dall’organizzazione. SAP Business One fornisce sia i dettagli giornalieri sia quelli riferiti a giorni, settimane, mesi o trimestri specifici. E questo non solo a beneficio della capogruppo, ma anche di tutte le società controllate laddove siano presenti. Individuare eventuali anomalie nel cash flow, tanto da circoscriverle e porvi rimedio, diventa così un’opportunità di cui il reparto amministrativo può usufruire all’istante e con un semplice click.

RunnerTech - White Paper - Guida ai costi di SAP Business One