SAP One, nonostante sia uno dei sistemi ERP più diffusi al mondo, talvolta deve fare i conti con alcuni falsi miti, probabilmente diffusi a bella posta dai competitor per denigrare un avversario sul mercato dei gestionali aziendali. E nell’epoca delle fake news certe informazioni denigratorie rischiano di prendere piede pur essendo prive di fondamento. Ecco perché è doveroso sfatare i luoghi comuni che circondano SAP Business One, appellandosi soprattutto ai fatti e non alle dicerie. Le quali si concentrano principalmente in 5 motivi ricorrenti: SAP One sarebbe troppo costoso, poco flessibile, non a misura di PMI, lento da implementare, difficile da usare. Vediamo ciascuna di queste possibili obiezioni singolarmente.

 

Il falso mito sul costo eccessivo di SAP One

Quando si compara il prezzo di SAP One con quello degli Enterprise Resource Planning sviluppati da altri marchi, solitamente si fa l’errore di non confrontare le funzionalità offerte da entrambe le soluzioni. Gli ERP, infatti, sono prodotti modulari che gestiscono più processi aziendali. A differenza dei suoi concorrenti, SAP Business One propone già di default una serie di funzioni, come per esempio il CRM o la produzione e pianificazione MRP, che in piattaforme analoghe richiedono di essere aggiunte con ulteriori costi. Da questo punto di vista, perciò, un paragone che tenga conto della maggiore o minore completezza dell’architettura modulare farebbe emergere che SAP One non teme confronti in quanto a ricchezza di tool ed esaustività di copertura sulle attività principali del business aziendale.

 

SAP One e la flessibilità

Alcuni detrattori sostengono che SAP One sia “rigido”, poiché non permette alcuna modifica agli utenti una volta impostato. Si tratta di un falso problema, più che di un falso mito, in quanto si vorrebbe una flessibilità a valle che danneggerebbe la standardizzazione necessaria nel workflow delle procedure. La flessibilità che serve, invece, va contemplata a monte, nelle fasi di implementazione del sistema, personalizzando SAP Business One in base ai fabbisogni specifici dell’impresa. Altrimenti, una tolleranza successiva sui processi definiti renderebbe vana l’adozione dell’ERP, spingendo implicitamente gli end user a continuare a rifugiarsi nel caro, vecchio file Excel o comunque nelle metodologie precedenti.

 

SAP Business One, nato proprio per le PMI

Tra le leggende che circolano su SAP One, quella più fantasiosa riguarda il presunto sovradimensionamento del software rispetto alle esigenze delle piccole e medie imprese. Una leggenda in parte favorita dalla prestigiosa storia del colosso tedesco, noto in tutto il mondo per aver accompagnato, e per supportare tuttora, i grandi gruppi nel loro cammino di trasformazione digitale. Ma è facile sfatare questa idea, giacché, oltre al mercato delle aziende di dimensioni rilevanti, SAP si rivolge a quello delle PMI propri con un ERP ad hoc, qual è appunto Business One. Sono i numeri a dimostrarlo: oggi SAP One è adoperato da più di 70 mila clienti, per un totale di utenti che supera il milione. Il 90% all’incirca di questa clientela è formato da PMI.

 

La “lentezza” che serve al change management

La lentezza nell’implementazione di SAP One è una distorsione che scaturisce da un’idea superficiale del rapporto tra sistema informativo e modernizzazione dei processi aziendali. Molti progetti di digital transformation falliscono perché si ritiene, a torto, che sia sufficiente introdurre un nuovo gestionale in azienda per avviare un itinerario di innovazione. La filosofia che guida, invece, SAP Business One, prevede che sia essenziale un percorso di change management adeguato affinché la novità tecnologica coincida con un approccio diverso nelle consuete modalità di lavoro. Per questo è fondamentale una fase di assessment iniziale, seguita da altre di progettazione, pianificazione, test ecc. I tempi di implementazione, quindi, non dipendono tanto da SAP One, ma dalla corretta calendarizzazione di tutti questi step.

 

SAP One è difficile da usare?

Sulla difficoltà d’uso che caratterizzerebbe SAP One l’equivoco nasce dal confondere un ERP con un prodotto consumer. Paradossalmente, l’odierna digitalizzazione di massa fa ritenere che le soluzioni enterprise siano identiche a quelle utilizzate nella vita di tutti i giorni. Il che non corrisponde a verità, nel senso che la complessità di certe procedure è insita in una organizzazione e non può essere eliminata grazie a un software. Anzi, SAP Business One porta un’estrema semplificazione nei flussi operativi, compresi i più complessi. Negli ultimi anni, infatti, gli investimenti della casa madre per rendere l’interfaccia più intuitiva e immediata hanno fatto sì che oggi SAP One risulti tra i sistemi gestionali meno difficili da usare nel panorama degli ERP in commercio.

RunnerTech - White Paper - Impresa intelligente con SAP Business One: Guida per PMI