Gestire i processi aziendali con SAP Business One, il sistema ERP sviluppato dalla multinazionale tedesca appositamente per il mondo delle PMI, consente di introdurre nelle organizzazioni alcune ottimizzazioni rilevanti. A differenza degli altri gestionali offerti dai competitor, talune di queste ottimizzazioni presentano un carattere “rivoluzionario” poiché preparano le imprese ad affrontare non solo gli attuali mercati, ma anche quelli del prossimo futuro. La modularità dell’architettura, inoltre, fa sì che la scelta di far governare i processi aziendali con SAP si possa fare in maniera progressiva, identificando quelli per i quali si considera più urgente avviare un’implementazione. L’upgrade a sostegno di quei processi che, invece, hanno bisogno di più tempo per accogliere l’innovazione tecnologica, magari perché ritenuta troppo avanzata per l’attuale fabbisogno aziendale, potrà avvenire successivamente. La prima funzione rivoluzionaria di SAP Business One, dunque, è quella di contrastare la fisiologica obsolescenza degli ERP che costringe le imprese a cambiare il proprio sistema informativo in base al suo ciclo di vita.

 

I processi aziendali che SAP supporta pensando già al futuro

L’ammodernamento periodico dei software gestionali segue logiche dettate da esigenze di mercato che mutano con gli anni, nonché da riorganizzazioni a cui l’azienda deve far fronte (nuove linee produttive, apertura di ulteriori sedi anche all’estero, fusioni e aggregazioni ecc.). Ogni volta, fare in modo che le novità vengano accolte all’interno dell’ossatura informativa implica costi supplementari, oltre a un effort in termini di ridefinizione dell’assetto complessivo e dell’allocazione delle risorse. Al contrario, i processi aziendali che in SAP vengono previsti non si limitano allo status quo, ma mettono in condizione già oggi le PMI di affrontare le trasformazioni di domani. Si pensi, per esempio, all’area Finance per la quale il modulo specifico di Business One fornisce, insieme a informazioni essenziali su spese e incassi, flussi di cassa, riconciliazioni bancarie, asset e budget, anche la possibilità di monitorare più business unit. Un’evenienza che, in caso di ampliamento dipartimentale o funzionale, è già contemplata nei processi aziendali supportati da SAP.

 

I connettori di SAP Business One per RPA e machine learning

Rimanendo sempre nell’ambito dell’Amministrazione Finanza e Controllo, il sistema possiede nativamente dei connettori digitali che abilitano all’integrazione con applicazioni di robotic process automation (RPA) e machine learning. Le prime possono implementare l’automazione a beneficio di funzioni di routine dell’area che interessano il ciclo attivo (gestione anagrafica e degli ordini di vendita), il ciclo passivo (gestione fornitori, emissione fatture, pagamenti) e il reporting (chiusure mensili, consolidamenti finanziari, bilancio). L’intelligenza artificiale veicolata tramite il machine learning, invece, è in grado di conferire, alle attività di pianificazione e audit, qualità predittiva sull’analisi dei dati. Dal cash flow forecasting alle politiche di risk management, i processi aziendali di SAP rendono la PMI sempre più “intelligente”, capace cioè di estrarre valore dai propri dati per offrire un fondamento solido alle decisioni del management. Per fare due esempi, se il CFO può contare su indici di liquidità sempre corretti e aggiornati, il Sales & Marketing Manager a sua volta può elaborare una strategia basata sullo storico dei comportamenti d’acquisto.

 

Mobile, IoT e assistenti vocali integrati nei processi aziendali SAP

Vi sono, infine, una serie di potenziali integrazioni di cui i processi aziendali con SAP possono avvantaggiarsi e che coincidono con alcune tecnologie più o meno emergenti. Anzitutto la dimensione mobile dell’accesso ai dati che Business One permette di garantire. L’aspetto rivoluzionario risiede nel fatto che tutta la potenza e la velocità del database in-memory SAP Hana non solo è utilizzabile su desktop, ma nella versione in cloud è accessibile anche da smartphone e tablet. La gestione dei processi aziendali grazie a SAP, quindi, non è soggetta a vincoli di prossimità ma può essere condotta da ogni luogo. La seconda tecnologia che è possibile interfacciare con l’ERP è quella riconducibile all’Internet of Things (IoT). Qualunque dispositivo IoT dovesse entrare a far parte dei processi aziendali, SAP riesce a farlo dialogare con la sua architettura informativa. Questo vale anche per gli assistenti vocali che, pur non rientrando nel novero degli IoT Device, rappresentano un’ulteriore novità nel panorama dell’user experience con cui, presto o tardi, le PMI dovranno fare i conti.

RunnerTech - White Paper - Guida ai costi di SAP Business One