Una delle domande che le aziende si pongono quando prendono in considerazione il passaggio a SAP Business One è: “Qual è la roadmap di SAP Business One? Sarà in grado di supportare la nostra crescita nel tempo?”. Questa domanda risponde all’esigenza squisitamente pratica di fare piani di crescita e investimento che tengano conto non solo del breve termine ma che sappiano guardare al futuro. A questo proposito è più che mai valido per le PMI ciò che diceva lo scacchista Kasparov: “Non pensare a trovare la mossa giusta. Preoccupati di trovare un piano”. Il viaggio digitale di una PMI, infatti, non è lontano da una partita a scacchi: per avere successo occorre guardare lontano, pianificare, prevedere. Vediamo quali sono allora le tappe fondamentali tracciate da SAP per la Roadmap del suo Business One.  

 

Roadmap SAP: il futuro è intelligente

Il primo e forse più importante progetto nella roadmap SAP è di seguire lo sviluppo data-driven delle imprese. Ciò significa offrire loro un software gestionale sempre più intelligente capace per esempio di assumere e integrare i dati che arrivano dalle applicazioni che sfruttano l’IoT (Internet of Things)e analizzarli con strumenti di Business Intelligence.  Oppure, di misurare l’esperienza consumer-grade, assicurandosi che l’utente aziendale abbia con le applicazioni business la stessa confidenza che ha con l’ambiente consumer.   E ancora, un ERP in grado di favorire un’integrazione “incorporata”, con minimo o nullo sforzo, di altre applicazioni SAP o di terze parti. Senza dimenticare l’aspetto Cloud, del quale il software gestionale dovrà consentire un utilizzo il più fluido possibile, rendendo ogni applicazione gestibile senza ostacoli e senza vincoli dovuti alla tecnologia sottostante.  

Come SAP Business One affronta le sfide

Tutto questo, nella certezza di avvalersi di una piattaforma potente, in grado di guidare la crescita del contesto attraverso la pubblicazione e il rafforzamento delle API, all’interno di un ambiente costituito da più architetture differenti. Un quadro tecnologico che, grazie ai passi previsti dalla Roadmap SAP, diventa capace di supportare tutte le sfide che oggi le aziende si trovano ad affrontare: dal Machine Learning ai nuovi modelli di business, sino all’e-commerce, all’introduzione di assistenti intelligenti e all’uso dei social. 

 

Roadmap SAP Business One, le direttive di sviluppo

Rafforzare SAP Business One come ERP ideale per le PMI in un contesto di economia digitale: questa è la logica che si nasconde dietro una roadmap fatta di investimenti già previsti su numerosi campi d’azione. Miglioramenti continui sono, infatti, in programma su tutte le soluzioni.  

 

Ecco le principali direttive di sviluppo:  

  • Scalabilità potente, globale e in tempo reale: l’ERP sarà sempre più in grado di offrire soluzioni altamente competitive, modelli di mantenimento attrattivi, localizzazioni sempre più precise e continui miglioramenti; 

 

  • Valore per il consumatore dell’Impresa intelligenteil software gestionale consentirà una sempre più rapida e flessibile trasformazione di tecnologie e innovazioni in customer value con un basso TCO, una rapida adattabilità ai nuovi modelli di business, all’incremento della clientela e alle specializzazioni; 

 

  • Massimo impegno sullo sviluppo di SAP HANA: grazie all’ottimizzazione dei Web client e dei livelli di servizio, con un occhio ai vantaggi esclusivi e alle potenzialità di SAP HANA; 

 

  • Co-innovazione e customizzazione intuitiva dei partnerattraverso l’adozione del framework 2.0, capace di offrire un’avanzata esperienza di sviluppo sul service layer, comprensiva di nuove concezioni di design, API, oggetti e tool; 

 

  • Estensione dei consumi futuri: Cloud, on premise e mobileaccelerando la trasformazione Cloud e l’adozione di interfacce mobili caratterizzate da massima flessibilità a un basso grado di complessità e da un’alta capacità di controllo del business. 

 

I passi della roadmap SAP Business One a lungo termine 

Il piano messo in campo da SAP guarda già oggi sino al 2025, e anche oltre, operando a più livelli nel sostegno all’azienda. Mentre il presente parla la lingua di SAP Business One versione 10, prima del 2021 si assisterà all’introduzione della 10.1, seguita dalla 10.2 e, verso il 2023, dalla 11, poi accompagnata un anno dopo dalla 11.1. 

La roadmap della PMI sarà dunque caratterizzata da un continuo affiancamento da parte di SAP, nei cui propositi c’è l’implementazione di costanti strumenti di potenziamento del prodotto. Un’intenzione dimostrata con la pubblicazione della release 10, arricchita da nuove e sempre più performanti funzioni, ad esempio, sull’ambiente cloud o su SAP HANA 2.0, così come su tutte le destinazioni finali delle cutting-edge technologies. 

 

E dopo il 2025? Nessun timore di restare soli, perché se è vero che SAP vede quell’anno come una deadline pronta a dar vita a qualcosa di nuovo, è altrettanto vero che la migrazione dell’azienda verrà accompagnata anche qui passo passoInnovation without disruption, garantisce SAP stessa.  

New call-to-action